I prodotti Seguici

LA DISTRIBUZIONE IDROPOTABILE

 


  • Criticità

Età:  molti dei componenti (in particolare le condotte) sono al termine della loro vita utile.

Dinamicità e cambiamenti: dovuti a domanda crescente, espansione/contrazione della rete, cambiamento climatico, fattori socio-economici.

    Qualità delle acque: L’acqua subisce un peggioramento qualitativo nel transito tra il punto di erogazione ed il punto finale di distribuzione, dovuto alle caratteristiche delle condotte e delle tubazioni. In presenza di perturbazioni della “pressione ambientale” nelle condotte, potenziali agenti contaminanti possono direttamente entrare nel ciclo di distribuzione.

  • Azioni

Conoscere lo stato ed il comportamento della rete e valutarne la vulnerabilità/resilienza; stimare e ridurre la No Revenue Water (NRW); migliorare l’identificazione e la localizazzione delle perdite.

Conoscere e monitorare il comportamento della propria clientela (AMR); fornire ai clienti più accurate informazioni, eventualmente near-real-time, sui consumi; aumentare la coscienza sull’utilizzo dell’acqua e sull’importanza di ridurre gli sprechi.

Individuare i punti critici in cui vi è un peggioramento qualitativo dell’acqua per supportare una gestione strategica dei servizi.

 Vai al GEOPORTALE

L’ACQUA IN AGRICOLTURA

 

  •  Criticità

Negli ultimi anni, anche in una regione tradizionalmente ricca di acqua come la Lombardia, si sono osservati periodi con carenza d’acqua con conseguenze negative sulla produzione agricola. Recenti studi hanno mostrato che i cambiamenti climatici probabilmente non porteranno ad una diminuzione significativa della pioggia totale che ricade nell’arco dell’anno, ma è prevista una variazione della precipitazione nelle diverse stagioni dell’anno con una riduzione significativa nel periodo estivo e un aumento nel periodo invernale. Per questo motivo stagioni con mancanza d’acqua potrebbero presentarsi con frequenza sempre maggiore in futuro. In questa situazione si rende necessario cominciare a gestire più razionalmente l’acqua per l’irrigazione e per questo si possono utilizzare le nuove tecnologie sviluppate recentemente.

  • Azioni

Nel progetto SEGUICI verrà sviluppato un modulo operativo che permette di effettuare una previsione dell’umidità del suolo e quindi del fabbisogno irriguo delle colture. La previsione viene effettuata integrando un modello meteorologico che prevede la pioggia e la temperatura dell’aria con un modello idrologico che permette di stimare l’umidità del terreno. Il vantaggio dell’utilizzo di un tale sistema è evidente nel caso dell’impiego di una irrigazione a domanda. Nel caso di una regolamentazione dell’irrigazione basata sulla turnazione, come nella maggior parte del territorio lombardo, il sistema permette di valutare la reale esigenza di effettuare l’irrigazione in corrispondenza del proprio turno e mantenere l’umidità del suolo entro valori ottimali per la massimizzazione della produzione agricola, evitando problemi sia di mancanza che di eccesso di acqua.

Vai al GEOPORTALE

 

IL SERVIZIO PER GLI UTENTI


Nell’ottica di un sistema di gestione integrata della risorse idriche, il progetto mira a sviluppare una infrastruttura tecnologica adeguata per l’ottimizzazione della gestione della risorsa idrica nei due maggiori settori di utilizzo nel territorio lombardo: l’uso irriguo e l’uso civile.

SEGUICI, oltre a fornire le funzionalità applicative WEBGis di base, consentirà il supporto di particolari processi e flussi di lavoro:

  • Condivisione e gestione delle osservazioni inerenti la pubblicazione di piani del ciclo integrato dell'acqua (perimetrazione di agglomerati);
  • Strumenti per la raccolta di feedback dal cittadino e dagli sportelli del servizio clienti del gestore per favorire l'aggiornamento dinamico dei dati della rete idrica e una maggiore attendibilità delle informazioni di previsione e pianificazione degli interventi;
  • Strumenti di analisi, controllo e tracciamento per la gestione dei guasti e delle interruzioni del servizio